18 dicembre 2017 @ 7:54
Home >> allenamento >> ALLENARSI CON IL PERSONAL TRAINER: I TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE ED EFFICIENZA FISICA

ALLENARSI CON IL PERSONAL TRAINER: I TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE ED EFFICIENZA FISICA

La maggior parte delle persone che si reca in palestra ha la propria scheda di allenamento e il proprio programma di base da svolgere,ma difficilmente vengono analizzati i singoli casi , difficilmente vengono esaminate caratteristiche antropomorfe o eventualmente patologiche di ognuno e quasi mai prima di iniziare un programma di allenamento si tengono in considerazione i parametri fisici e motori di ogni cliente; non si effettuano quasi mai, per un’ anamnesi generali, dei test e degli esami di valutazione iniziale per verificare l’efficienza fisica di persona che viene allenata.

La differenza e uno dei vantaggi di allenarsi con un personal trainer qualificato è anche questo: effettuare dei test e delle misurazioni per prendere decisioni sulla programmazione dell’allenamento che aiutano gli sportivi e gli atleti a raggiungere i loro obiettivi e a massimizzare il loro potenziale. I test e le misurazioni formano infatti il nucleo oggettivo del processo di valutazione.

I test svolti dal personal trainer aiutano inoltrei propri clienti a valutare e identificare le abilita’ fisiche e le aree che necessitano di miglioramento o semplicemente sono un ausilio per determinare i punti di partenza dai quali procedere verso obiettivi raggiungibili.

Esistono dei cosiddetti test di laboratorio che possono essere effettuati in un luogo chiuso per misurare ed analizzare alcune capacita’ di forza, resistenza, coordinazione ed equilibrio ed altri invece chiamati test da campo per valutare le capacita’ al di fuori di un laboratorio e che non richiedono lunghe procedure di preparazione o costosi equipaggiamenti.

Un pre – test permette al personal trainer o preparatore atletico di determinare i livelli iniziali delle capacita’ di base del proprio cliente prima di iniziare un allenamento, programmandolo rispettando il livello iniziale della persona e gli obiettivi del programma generale. Un test intermedio permette invece durante il periodo di allenamenti di valutare i progressi e modificare il programma secondo il necessario per massimizzare i benefici. Infine un post-test permette di determinare la misura del successo del programma di allenamento nel raggiungimento degli obiettivi prefissati : una gara, una competizione, un concorso, dimagrire o semplicemente modellare il proprio fisico.

I test effettuati per essere validi hanno bisogno di due caratteristiche molto importanti che sono la validita’ e l’affidabilita’.La validita’ è il grado a cui un test o un suo elemento misura realmente cio’ che si suppone debba misurare mentre un test deve essere affidabile per essere valido perche’ un alto livello di variabilita’ lo rende poco significativo.

Cio’ che reputo fondamentale è che un personal trainer deve tenere in considerazione anche altri fattori importanti prima di somministrare dei test specifici: in base agli obiettivi o allo sport specifico praticato dall’atleta allenato, si devono tenere in considerazione l’eta’, il sesso, lo stato di allenamento, l’esperienza della persona o dell’atleta, i fattori ambientali (temperatura, umidita’,altitudine), la specificita’ del sistema di energia metabolica e del modello di movimento biomeccanico che un determinato sport richiede.

Inoltre per ottenere dei buoni ed accurati risultati dai test, devono essere somministrati in modo sicuro, corretto e organizzato, si devono tenere in considerazione le condizioni ottimali di salute e sicurezza dei propri clienti che devono anche essere messi nelle migliori condizioni di preparazione e conoscenza sull’ organizzazione , la procedura e lo scopo del test. E’ opportuno ad esempio un buon riscaldamento generale e uno di tipo specifico , prima del test, che puo’ incrementare il livello di affidabilita’ del test stesso cosi come nelle prove multiple di test o batterie di test è necessario un recupero completo fra le prove.

Molti sono i test che il personal trainer puo’ somministrare al proprio cliente o atleta:

  • Test di valutazione generale e di composizione corporea (altezza, peso, sit and reach per la flessibilita’, valutazione posturale e squat test ,misurazione delle pliche cutanee delle circonferenze).
  • Test di agilita’ (T test, pro agility test, test dell’esagono etc.).
  • Test di potenza massimale e forza (1 RM di back squat o bench press, 1 RM di power clean, il salto il lungo da fermo,il salto verticale con il Vertec o di Sergeant, il test di Margaria – Kalamen).
  • Test di sprint (test di sprint sui 40 m).
  • Test di resistenza muscolare locale (test parziale curl up, test piegamenti sulle braccia, test trazioni alla sbarra).
  • Test di capacita’ anaerobica ( test di Wingate, corsa a navetta sui 300 m, corsa sui 400 m etc.).
  • Test di capacita’ aerobica (corsa di 2,4 km, test di Cooper, step test di Harward etc.).

Questi e tanti altri test sono fondamentali per fornire alcuni dati necessari al personal trainer che analizzandoli successivamente puo’ poi prendere decisioni sui programmi di allenamento per i propri clienti o atleti, per raggiungere i loro obiettivi e massimizzare il loro potenziale creando un vero e proprio profilo atletico.

Allenarsi con il personal trainer vuol dire dunque anche avere la possibilita’ di tirare fuori di se’ il meglio delle proprie capacita’ ed abilita’ fisiche che in molti casi possono essere nascoste e non conosciute, mettere in risalto le proprie problematiche e la propria condizione fisica iniziale cercando di migliorarla attraverso un percorso unico, personalizzato ed esclusivo che miri al raggiungimento della prestazione atletica e al miglioramento della propria efficienza fisica.

Facebook Comments

Un commento

Inserisci un commento